News & Blog

La french perfetta: affrontiamola con sicurezza.
By aprile 07, 2018 0 Comment

La french perfetta: affrontiamola con sicurezza.

Scopriamo oggi come realizzare una french perfetta dal punto di vista tecnico e con i prodotti giusti.

Una french perfetta è composta da quattro elementi fondamentali:

- definizione smile line

- forma smile line

- corretta proporzione della french

- stesura omogenea del prodotto

La smile line

La smile line è la linea della french manicure con il sorriso più o meno accentuato, ma mai dritta, e deve essere una linea ben definita.  È il confine tra il letto ungueale e il colore della french. 

Definizione della smile line

Per essere ben definita è necessario utilizzare gli strumenti e i prodotti adatti. La corretta definizione della smile line si ha quando la linea è netta grazie ad un buon contrasto tra la parte di nude/letto ungueale e french bianca o colorata. 

La french deve spiccare nitida e piena, senza sbavature.

Ecco alcune forme con cui si può definire una smile line. La prima soluzione non è a mio avviso corretta e proprio non la utilizzo. Le altre sono in relazione al gusto personale sia dell'onicotecnica sia della cliente.

Smile line dritta

Smile line dritta

Smile line accennata

Smile line accennata

Smile line ovale

Smile line ovale

Smile line accentuata

Smile line accentuata

Quali sono i fattori che determinano la forma della smile line?

I fattori che incidono sulla forma della smile line, sia se da ricostruzione o se eseguita con ricopertura, sono:

- l’intera lunghezza dell’unghia;

- la forma dell’unghia;

- il gusto personale della cliente.

La lunghezza dell’unghia incide sulla proporzione corretta da eseguire tra la parte di nude e di french.

Esistono due proporzioni: classica (1:1) e quella da me preferita, inferiore all’1:1.

La proporzione classica 1:1 prevede che la lunghezza sia equamente divisa tra nude e french. Viene normalmente utilizzata e richiesta in tantissime competizioni, ma, a mio avviso, è una proporzione che non sta bene sulle unghie da salone, perchè potrebbe risultare eccessiva e sproporzionata.

A mio avviso si potrebbe applicare la regola per cui tutte le proporzioni inferiori alla 1:1 sono meglio applicabili alle unghie da salone, come la 1:0,45. 

In questo tipo di proporzione il letto ungueale resta invariato, mentre la french assume una dimensione ad esso inferiore, e il risultato finale risulta più naturale e gradevole.

Rapporto letto ungueale french 1:1

A mano a mano che la french si assottiglia, l’unghia risulterà sempre più affusolata, indipendentemente dalla lunghezza totale dell’unghia, questo senza ridurre eccessivamente la dimensione della french.

Giustamente è da tenere sempre presente il gusto personale dell’onicotecnica che deve andare incontro a quello della cliente, per riuscire ad accontentarla: la curvatura perciò potrebbe risultare più o meno accentuata. 

Un errore che tante onicotecniche commettono è di presupporre che una smile line più sorridente, e che ci piace di più, sia un lavoro più bello di una smile line meno sorridente ma ben proporzionata. 

Ogni lavoro va visto e valutato separatamente. Ci sono determinate forme dell’unghia che sono strettamente correlate a determinate forme della smile line. Ad esempio su una marylin può essere disegnata solo la smile line specifica.

Come si ottiene la french manicure?

Scopriamo quali sono i diversi metodi con cui si può realizzare una french manicure.

Al di là del metodo, però, ricordiamoci che la french manicure è perfetta solo se si ha una stesura omogenea del prodotto. 

La stesura sarà omogenea se verranno utilizzati i giusti prodotti: in base al prodotto utilizzato potrà risultare molto sottile o più spessa.

French manicure

Per ottenere una french manicure possiamo utilizzare diversi metodi: 

  • con il bianco costruttore con o senza l’allungamento ungueale;

  • con l’allungamento del letto ungueale con la limatura del muretto;

  • french in superficie con un colore;

  • con l’allungamento del letto ungueale ma senza limatura del muretto (come con l’acrilico).

1. Metodo con il bianco costruttore con o senza l'allungamento ungueale

Se desideriamo procedere ad una french manicure con il bianco costruttore utilizzeremo il Brillant White Truscada. Con la punta di un ago o con un dotter a punta molto piccola disegnare la smile line sarà molto più semplice, il pennello piatto vi aiuterà nella stesura del prodotto.

Brillant white Truscada

2. Metodo con allungamento del letto e limatura del muretto

Il metodo con allungamento del letto e limatura del muretto prevede l’utilizzo dello Sculpting White Truscada applicato con un pennello piatto come il PLBR 11 oppure dalla linea smart (Student Line, Flat 04 SBLR5 o Flat 06 SBLR6).

Sculpting White Truscada

Student Line Flat 04 SBLR5

Student Line Flat 06 SBLR6

3. Metodo con french in superficie

La french in superficie si ottiene, se nel bianco, con il Profi White, altrimenti in caso di french colorata, potete utilizzare colori molto pigmentati come le Pasta Creame o i gel colorati mescolati con un pochino di pigmento in crema. 

Profi White

Per la stesura dei prodotti è perfetto un pennello sottile come il Thin Line 01 PLBR 12.

Pennello Thin Line 01 PLBR 12

4. Metodo con allungamento del letto ungueale senza limatura del muretto

L’esecuzione dell’allungamento del letto ungueale ma senza limatura del muretto è stata resa possibile dall’Innova Poly System, applicato grazie al pennello Crystal Acryl 04 Kolinsky  PLBR 4

L’Innova Poly System ha il grandissimo vantaggio di essere un prodotto veloce e preciso con le caratteristiche dell’acrilico, ma senza l’odore pungente del monomero che caratterizza il monomero. un prodotto innovativo, che può essere lavorato con i gel colorati, inserendoli in struttura.

L’innova è disponibile in diverse nuance, per ottenere un effetto il più naturale possibile. 

Innova Poly System Beige 

Innova Poly System Beige

Innova Poly System Nude 

Innova Poly System Nude

Innova Poly System Pink 

Innova Poly System Pink

Innova Poly System Clear

Innova Poly System White

E voi come la preferite?

Buon lavoro

 

Aliz